Connect@ADP

Partnering with a more human resource

Perché le compliance sono una delle principali preoccupazioni dell’HR, e come affrontarle.

Creato da: ADP Italia on 15 marzo 2016 in Compliance, Human Capital Management, Multinational & Globalization

Share thisShare on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Facebook

Cos’è che in assoluto causa più grattacapi all’HR? La risposta ci è arrivata l’anno scorso, quando il primo grande sondaggio sulla gestione internazionale dei dipendenti realizzata da XpertHR ha rivelato che la sfida più ardua per l’HR a livello internazionale consiste nel “Mantenersi aggiornati con la normativa sul diritto del lavoro”. Nel caso ve lo steste domandando, le altre risposte più gettonate sono state: gestire le differenze culturali (67.8%), assumere e conservare le persone giuste (60%) ed ottenere dati salariali di riferimento attendibili (58.9%).

Le regolamentazioni e le multe vanno aumentando 
E, infatti, non si tratta di un grattacapo soltanto per l’HR. Anche i dirigenti del settore finanziario trascorrono quasi il 30% del loro tempo ogni settimana (sì, ogni settimana!) ad occuparsi della compliance.
Le statistiche redatte dal Jury Verdict Research rivelano che negli ultimi 20 anni, le cause di lavoro sono cresciute del 400%, con un’indennità di risarcimento media nelle cause di lavoro federali che oggi arriva a superare i 490.000 $ (escluse le parcelle degli avvocati).
 Una ragguardevole maggioranza di aziende di medie dimensioni (67%) si aspetta che il fardello delle norme di diritto del lavoro e dei regolamenti cresca nel corso dei prossimi tre anni; nel solo 2011, si sono avute 17.000 proposte di emendamento alla normativa tributaria in 10.000 tipologie diverse di giurisdizioni fiscali.
 

L’impatto della globalizzazione sull’HR 
Se c’è qualcosa a cui dare la colpa, quella è la globalizzazione. Ma è qui per restare – è un qualcosa che tutte le aziende e gli individui, volenti o nolenti, dovranno imparare ad accettare, e con sempre maggiore entusiasmo. Ma riuscire a gestire le sfide che essa comporta per l’HR può fare la differenza tra il successo e il fallimento di un’organizzazione. 
Molte organizzazioni si ritrovano in una situazione in cui l’assenza di un sistema di HR e di gestione paghe standardizzato e integrato ha finito col diventare un fattore critico nell’aggravamento dei costi di compliance, che, per le aziende multinazionali, arrivano all’incredibile media di 3,5 milioni di dollari l’anno.
Per contrastare tutto questo, sono necessari una compliance e una politica di gestione del rischio efficaci che, a loro volta, si realizzano rimanendo al passo con la tecnologia per l’HR e con il diritto del lavoro.
 

Verso una compliance migliore 
Una soluzione realmente globale per la gestione delle paghe coniuga best practice e soluzioni software fortemente centralizzate con la presenza di esperti locali sul campo. Ciò significa che ciascuno lavora in modo standardizzato, con un numero minore di strumenti contro cui dover lottare. Se poi tutto viene fornito tramite cloud, ancora meglio, dal momento che questa soluzione comporta i vantaggi di un sistema e di un’infrastruttura che è sempre aggiornata, appropriata e gestita da esperti esterni. 
Un partner in outsourcing può armonizzare la gestione dell’HR e delle paghe in termini di sistemi e di strumenti, di culture e di lingue e, allo stesso tempo, può garantire la compliance con leggi che cambiano rapidamente. Tramite un sistema basato sul cloud, una rete mondiale di esperti locali è a disposizione del cliente per gestire i requisiti in fatto di compliance e per far sì che l’azienda sia sempre al passo con le modifiche apportate a norme e regolamenti a livello locale. 
Non sorprende, quindi, che metà o più delle piccole e medie imprese dichiarino di appoggiarsi già (o di aver intenzione di farlo) a partner esterni che nel corso dei prossimi tre anni le aiuteranno con la compliance dell’HR per quanto concerne la gestione delle paghe e delle indennità. Quando viene chiesto loro di motivare questa scelta, rispondono dicendo che lo fanno per stabilizzare i costi, diminuire i rischi, aumentare la produttività dei dipendenti, realizzare soluzioni scalabili e facilitare l’accesso ai migliori talenti.

Con il continuo mutare dei regolamenti relativi al diritto del lavoro e alla gestione delle paghe, possedere internamente le competenze necessarie per stare al passo con tutti questi cambiamenti può diventare complesso e costoso. Quasi ogni azienda può accedere – o già lo sta facendo – a svariate fonti di expertise e informazione in fatto di compliance. Tuttavia, in un’economia altamente competitiva, non essere adeguatamente preparati nelle aree in cui la compliance riveste un ruolo fondamentale può tradursi in un significativo handicap per l’azienda. È bene che le aziende di ogni dimensione utilizzino tutti gli strumenti e le competenze a loro disposizione per raggiungere la compliance.
Solo in questo modo le aziende di oggi potranno esprimere tutte le loro potenzialità nei tumultuosi anni che verranno..

Per più dettagli relativi alla gestione della compliance scaricate l’ultimo white paper di ADP Le HR possono guidare un processo di trasformazione aziendale agile, efficiente e affidabile?

(Visited 299 times, 1 visits today)
Share thisShare on LinkedInTweet about this on TwitterShare on Facebook

TAGS: amministrazione HR Compliance global payroll HR challenges regolamenti requisiti legislative lavoro

Scrivi una risposta

Lascia un commento

Fill in your details below or click an icon to log in: